29.6.07

La rivoluzione delle microimprese


E’ un segmento in forte ascesa quello delle microimprenditorialità.

Soprattutto se si leggono le cifre di un mercato che solo in Italia conta un “esercito” di 4 milioni di microimprese. Quelle imprese, per intenderci, che sono costituite dall'imprenditore e/o professionista con al massimo 3 dipendenti (ma di solito ce n'è solo uno, il titolare, appunto). Tra di loro ci sono anche imprenditori part time, e-mprenditori, professionisti di Ebay, bloggers. E’ un mercato che utilizza, sempre secondo stime Istat, per il 94% Internet per acquisti online e soprattutto utilizza il web (circa il 47%) per le informazioni economiche e finanziarie. E usa anche servizi come quelli messi a disposizione dalle Camere di Commercio, come la firma digitale per firmare e il deposito dei bilanci, la parteciapzione ai bandi e così via.

Questo mega trend si manifesta giorno dopo giorno. Che cosa spinge verso questa tendenza?
I motivi sono diversi:

1. Il potere di una multinazionale alla portata dei singoli imprenditori
Le risorse un tempo esclusivo appannaggio delle multinazionali, dai software di Crm all’accesso ai marketplaces alla ricerca dei talenti, sono adesso alla portata di mano di singoli (brillanti) imprenditori. Tra i consumatori c’è chi sta capendo che oltre ad essere consumatori nella equazione capitalistica, può anche guadagnare qualche euro facendo impresa, vendendo, commerciando in prima persona.
2. L’aspirazione di diventare imprenditori di sè stessi
Se pur per poche ore al giorno, molta gente è spinta verso questa nuova tendenza dal senso di maggiore indipendenza e controllo della propria vita che l’essere imprenditore comporta.
3. Fare impresa è chic
Sono passati i tempi in cui fare impresa significava aprire un piccolo negozio o creare attività di import export. C’è un esplosione di innovative idee imprenditoriali, sia online che offline. La microimpresa può realmente essere chic, permettendo di pensare in grande e implementare in piccolo.
4. Flessibilità strategica 1: Mobilità estrema
Prevale sempre più il concetto che “il lavoro è ciò che si fa e non il luogo in cui si va”. Telefonia mobile di terza generazione, pc portatiLi sempre più avanzati, adozione diffusa di reti wireless anche gratuite, (leggi il progetto www.fon.com), sono le tre facce di un fenomeno che si rispecchia sempre più in un'unica tendenza, quella della Mobility.
5. Flessibilità strategica 2: Pochi rischi e poca esperienza richiesti.
I rischi, le competenze necessarie e gli sforzi che un microimprenditore deve sopportare per creare la sua azienda non sono comparabili con chi deve mettere su un’attività tradizionale, in primis per i costi di struttura, che sono quasi pari allo zero.
6. Soddisfare il bisogno dell’inusuale
I microimprenditori offrono qualcosa di differente, speciale, personalizzato, non abbastanza profittevole per essere commercializzabile dalle grandi aziende. E’ il miracolo della teoria della coda lunga.

24.6.07

L'easy business di Stelios










E' partito creando una linea aerea low cost (easyjet), rompendo il mercato. Ha continuato con easyinternetcafè, easyhotel, easycruise, easypizza.....E' uno degli imprenditori seriali più prolifici del Regno Unito, secondo forse soltanto al suo "maestro" sir Richard Branson. Stelios Haji Ioannou fonda tutti i suoi business con una idea alla base: i prezzi offerti dalle sue società devono essere inferiori a quanto la gente è abituata a pagare. «Quello dello spendere meno è linguaggio universale - sostiene -; pagare meno è una cosa che dà molta soddisfazione. Per offrire qualcosa a prezzo più basso talvolta basta concepirla in modo intelligente, senza compromettere la qualità».
Easy è il low cost elevato a filosofia di business. Il mercato, finora, gli ha dato ragione.
Chi porterà questa idea di business in Italia?
Per maggiori informazioni http://www.easy.com/

20.6.07

Produttori di vino senza cantina?

Si può grazie al servizio offerto da un’azienda americana. Per quelle persone che vogliono perseguire il sogno di essere produttori di vino.

















Non è un controsenso, ma un nuovo modello di business. Crushpad è un’azienda vinicola all'avanguardia che ha lanciato un servizio grazie al quale un appassionato qualsiasi può produrre il proprio vino – scegliendo uve, tecniche di produzione e via dicendo, tra quelle disponibili in azienda. Forte di una base di qualche migliaia di clienti, Crushpad ora estende la propria offerta offrendo il servizio Crushpad Commerce In parole povere, loro pensano a tutte le scocciature – produzione, logistica, distribuzione e via dicendo - e chi si iscrive al servizio può tranquillamente sbizzarrirsi con la parte più creativa: creazione del brand, design delle etichette, realizzazione del sito internet e via dicendo. Il business model che propongono ha dimensione “regolabile”, nel senso che è adatto a produzioni che vanno dalle 50 alle 1000 casse per anno.
L'esempio di Crushpad dimostra come un'idea può innovare un mercato maturo e competitivo come quello vitivinicolo. Se sei interessato a sviluppare in Italia questa idea, contattaci. Siamo pronti a portarla avanti assieme a te.

Website: http://www.crushpadwine.com/

17.6.07

L'ora dello spuntino?

L'alimentazione dei bambini è spesso argomento al centro di accese discussioni in tutto il mondo. Patatine e merendine sono sempre più consumati anche per via della presenza nelle scuole di distributori automatici, di conseguenza cresce il problema della obesità infantile. C'è quindi una forte richiesta, da parte dei genitori in primis, di eliminare il cibo spazzatura a favore di alimenti sani e nutrienti.

Alcuni imprenditori visionari hanno dato una risposta a questa necessità, offrendo allo stesso tempo ai bambini cibi gradevoli per il palato e anche alla vista: Lunch4Kids ed Health E-Lunch Kids, sono due siti che offrono delle scatole che ricordano moltissimo l'Happy Meal di Mc Donald's, che contengono uno spuntino completo: un panino, una bibita (a base di latte o di succo di frutta), una porzione di frutta e uno snack (yogurt o biscotto). I genitori possono ordinare online, indicare ciò che i loro bambini non gradiscono e ciò a cui sono allergici. I lunchbox sono consegnati alle scuole aderenti tutte le mattine, e la fattura inviata direttamente ai genitori. Ciò rende le cose più semplici per le scuole e per i genitori: niente cibi da conservare o preparare.

E i bambini? Non sono solo i genitori e le scuole a gradire questo concept, ma i bambini che lo hanno provato, non vedono l'ora che arrivi..l'ora dello spuntino!

Website:


http://www.lunch4kids.com/


http://www.healthelunchkids.com/

16.6.07

Sognando California

In videoconferenza dalla Silicon Valley, il webcast "START UP E VENTURE CAPITAL" con Enzo Torresi, uno dei maggiori esperti internazionali di Venture Capital tecnologici.
Buona Visione!
MPEG
Windows Media Player


tratto da Biconline