29.7.07

Quando la frutta è in franchising


Dopo le affiliazioni per l'abbigliamento, l'informatica, le profumerie, perché non provarci con le “frutterie”?

Ti stuzzica l’idea? Rivolgiti al Believing Lab: dalla fase di sviluppo dell'idea fino al termine del periodo di start-up, siamo pronti a supportare gli imprenditori (e le idee) vincenti.


Chi non ha grandi risparmi da investire, e vuole iniziare un'attività può affacciarsi al mondo del "franchising" (letteralmente affiliazione) per inserire un negozio in reti di vendita già affermate assumendone il marchio, l'immagine, i comuni arredamenti, le merceologie, gli indirizzi commerciali quindi pure prezzi e margini di guadagno.
Le tipologie di "franchising" esistenti ad oggi sono molte: dall'abbigliamento ai centri di abbronzatura ai fast food ai servizi di spedizioni – ma a ben guardare ci sono ancora diverse attività nelle quali non si sono ancora sviluppate reti di affiliazione rilevanti, lasciando ampi spazi di crescita e di sviluppo agli imprenditori che vogliano intraprendere questo canale di vendita. Una di queste attività è l’ortofrutta.
Un commerciante all'ingrosso di Roma ha virtualmente “aperto” la strada: il franchising della frutta. "Avevo già aperto cinque punti di vendita al dettaglio– e con la possibilità/necessità di espandere ulteriormente la rete dei miei esercizi iniziavo a scontare il problema di come riuscirli a gestire tutti insieme e senza, ovviamente, scaricare sulle mie aziende commerciali all'ingrosso la relativa mancanza di tempo. Il problema rischiava di diventare grave, perché se non riesci a fare fronte alle esigenze di giusto dimensionamento di una rete di vendita puoi andare incontro a gravi conseguenze". "Alla fine– ho pensato di proporre a quelli che fino ad allora erano stati i miei dipendenti più esperti e capaci di gestire i negozi nei quali lavoravano attraverso una formula, diciamo, un po' a metà via tra quella di un titolare-imprenditore e quella di un incaricato o di un capocommesso, ovviamente molto meno responsabilizzato nella gestione diretta". Di qui, la nascita delle frutterie affiliate al "franchising" " Ad oggi – sono già sette i negozi di ortofrutta che a Roma portano questo marchio. Ma ben presto ce ne saranno altre 19, attualmente in via di affiliazione una dopo l'altra".
I vantaggi del sistema di affiliazione commerciale sono anche legate all’installazione di tecnologie comuni, che difficilmente un singolo fruttivendolo potrebbe avere, visto il costo e la formazione necessaria: un computer all'interno di ognuna delle frutterie messo in rete permettere una visualizzazione puntuale e precisa dei flussi in arrivo dalle aziende e in uscita, i prezzi in tempo reale e un sistema per ordinare con massima tempestività quello che serve per via telematica, cioè attraverso il web.
Il progetto in franchising strizza l'occhio anche ai supermercati, ai quali propone un suo punto vendita all'interno delle loro grandi superfici con una gestione e un personale altamente specializzato. Il successo e lo sviluppo di tale iniziative – è anche legato alle convenzioni con gli Istituti di Credito, che dovranno creare finanziamenti mirati per chi vuol intraprendere questa strada.
Ti stuzzica l’idea?
Rivolgiti al Believing Lab: dalla fase di sviluppo dell'idea imprenditoriale fino al termine del periodo di start-up, siamo pronti a supportare gli imprenditori (e le idee) vincenti.
In questa Noi ci stiamo credendo.

26.7.07

Business Angel italiano nel cuore della Puglia: intervista a Gianfranco sul portale Marketing Arena


Gli amici di Marketing Arena ci hanno chiesto un' intervista che presenta Believing e i Business Angels in Italia. Potete trovarla cliccando qui.

Un doveroso Grazie a Luca Dalla Villa.

L'articolo è stato ripreso anche da Business Online

18.7.07

La rivoluzione dell'ufficio flessibile


Avete una buona idea per mettervi in proprio, ma le spese iniziali vi spaventano? Infatti, affittare stabilmente un ufficio, arredarlo e magari assumere anche una segretaria è piuttosto costoso. Ma c’è un’alternativa: l’ufficio a tempo. E' secondo questa logica che è stato pensato e sviluppato il Believing Cube, l'incubatore d'impresa di Believing. 1200mq di uffici arredati, sale riunioni e servizi logistici, pronti ad ospitare liberi professionisti e piccole imprese in un ambiente di lavoro aperto alla creatività e alla innovazione. A disposizione anche per poche ore al giorno o per una settimana o per un mese, è già pronto per essere utilizzato perché dentro c’è tutto: mobili funzionali e di classe, sale riunioni, telefono, fax, pc, scanner, fotocopiatrice a colori e il supporto di una segretaria. Inoltre vi offre tutto il personale di cui un imprenditore o libero professionista può avere bisogno, dall’interprete all’assistente informatico. Esiste persino la possibilità di noleggiare un ufficio virtuale, cioè un insieme di servizi che comprende l’indirizzo commerciale e telematico, una segretaria online che risponde alle chiamate dei clienti con messaggi personalizzati: il tutto in un'unica tariffa, in genere a prezzi ridotti dal 30 al 60% della spesa media per un affitto tradizionale, questo per via delle economie di scala (infatti la segretaria, le attrezzature tecnologiche, gli spazi di servizio vengono condivisi da tutti gli utenti, a differenza degli uffici tradizionali, e questo genera importanti economie). Quindi, così come è avvenuto in Inghilterra o negli Usa, dove già hanno preso piede, gli uffici flessibili stanno per diventare anche in Italia gli spazi di riferimento nei quali far nascere e crescere la propria impresa.

Date anche un'occhiata su http://www.aniur.it/, il sito dell'Associazione Italiana Uffici Residence, a http://www.ufficiarredati.it/, che raccoglie in un unico portale i servizi di diversi Business Center da tutta Italia e a http://www.bestideas.it/ di Pescara, uno tra i business center più innovativi d'Italia ;-)

15.7.07

Come far sopravvivere (prima) e sviluppare (dopo) la propria startup nel 21° secolo: pensieri, esempi pratici e riflessioni.


Fare impresa nel 2007 significa essere:
1) Intelligenti
2) Veloci.
Prima di tutto.

I primi mesi di vita di una nuova impresa sono simili ai primi nanosecondi dalla nascita di una stella.
Qualunque cosa accada in questo breve periodo, determinerà la sua traiettoria permanente.
Le armi che l'imprenditore di oggi ha a disposizione sono l'intelligenza e la velocità, non con quanto denaro si parte.
Le nuove imprese non richiedono gli stessi elevati capitali iniziali delle aziende di una volta, sostanzialmente perchè risorse un tempo appannaggio delle multinazionali (dai software di Crm a quelli di video editing, dalla pubblicità globale alla ricerca globale dei talenti) sono adesso alla portata di mano delle microimprese più scaltre.
Nella economia della conoscenza la velocità e l'intelligenza sono le vere armi con le quali competere, e che determinano il risultato finale.
Il principio dell'economia di scala - cioè maggior grandezza di una impresa uguale minori costi di produzione per unità- non si può applicare alle imprese basate sulla conoscenza.
Per intelligenza, intendo l'abilità di assemblare il giusto gruppo di talenti creativi.
Quelle persone che sono in grado di iniettare nell’impresa nuovi valori aggiunti, nuovi vantaggi competitivi insieme ad una superba strategia di sviluppo, al punto da far pensare al cliente :
"Caspita, questo è meglio!" e alla concorrenza: "Ora che facciamo?"
Per velocità intendo non solo l'abilità di muoversi velocemente, sebbene l'abilità di muoversi velocemente è il suo risultato finale.
La velocità intesa come l'abilità di operare senza fare errori.
Ed in questo la conoscenza condivisa di competenze per lo startup che c’è in Believing, è sorprendente: fa sì che si evitino così tanti errori che in 3 mesi si possono realizzare cose che normalmente altre start-up farebbero in 8.
La maggior parte del tempo è risparmiato in quanto le società incubate non devono partire dalla linea di partenza come le altre, ma sfruttano le esperienze, i database, le relazioni, le infrastrutture tecniche (hardware, software, spazi di lavoro attrezzati) delle precedenti start-up incubate.
Non sono solo i soldi risparmiati il grosso del vantaggio: infatti, si può ottenere più denaro, ma non si può avere più tempo.
In un mercato della corsa all'oro, dove ci sono scommesse da vincere, uno o due mesi possono fare la differenza.
Non puoi perdere tempo.
Lo staff centrale del Believing si comporta come una pit crew che mette dolcemente le società su pista e le conduce velocemente al traguardo del mercato.
È proprio come premere sul pedale dell'acceleratore.
E poi le società Believing condividono talenti e conoscenze di un calibro che non potrebbe essere raggiunto da singole società.
Le imprese incubate condividono server, linee telefoniche digitali ad alta velocità, servizi legali e contabili, contatti "privilegiati".
Sto cercando di scomporre in fattori tutti i comuni problemi negli affari e risolverli con il Believing e lasciare alle singole imprese solo ciò che è strettamente connesso ai loro business.
C'è un ulteriore ed importantissimo aspetto da considerare: una affiliazione al Believing fa sì che i finanziatori siano assicurati sulla bontà del business intrapreso.
Infatti, se ci si rivolge come imprenditori individuali a banche o a finanziatori, questi potrebbero obiettare: "Chi sei tu, e perchè dovremmo ascoltarti o finanziarti?".
Molto spesso mi chiedono: "Gianfranco, perchè non fai confluire tutte le start-up in una unica azienda?
Li rispondo che non lo faccio perché sarebbe una diseconomia di scala.
Mi spiego meglio: quando l'essenza di una impresa sta nella creatività e nella libertà di seguire il proprio core business, il miglior modo di motivare i manager è dare loro il controllo e scommettere in essa.
Mischiare tutto in una sola pentola, offusca gli obiettivi e affievolisce il mordente.
Si ottiene molto di più dai propri collaboratori se vanno a lavorare ogni giorno sapendo che i risultati dipendono da loro e che la loro remunerazione dipende da tali risultati.
Infatti, gli amministratori con responsabilità individuale producono di più, sia per gli investitori che per loro stessi, che sotto il grande ombrello di una grande società.
Quindi, perchè non sviluppare Believing come un'organizzazione che sfrutta sia la forza di una grande società che l'agilità di una piccola?

7.7.07

Il talento è globale, il business è globale: risorse gratis per il business





A corto di personale? Qualora avessi bisogno di assumere qualcuno, www.infojobs.it si distingue dagli altri portali per la ricerca di personale perchè è....gratis!


Questo vale per il servizio base di inserzione degli annunci. Infojobs non è solo tra i migliori strumenti di ricerca di personale, per qualità e quantità degli annunci, il risparmio, in termini economici, rispetto alle soluzioni tradizionali, è impressionante. Per gli stessi servizi, gli altri portali o agenzie di ricerca del personale di solito fanno pagare non meno di 500 (cinquecento) euro per annuncio.


Allo stesso tempo, queste ricerche a costo zero aprono la strada anche alle microimprese al cosiddetto employer branding, cioè al posizionamento della marca nei confronti dei potenziali collaboratori....finora questo era uno strumento appannaggio esclusivo delle grandi aziende, dati i costi elevati.




Se invece come liberi professionisti si desidera proporre i propri servizi di consulenza, portali come www.consulteque.com, www.pajamanation.com, www.espertidi.it, www.consultime.it e www.lavoricreativi.com mettono a disposizione una vetrina virtuale nella quale presentare le proprie attività.


Per stringere relazioni e trovare potenziali partners, finanziatori, colleghi, imprenditori o personale dipendente, sono nati (per chi ancora non li conoscesse) i siti di social networking (gratuiti nelle versioni base) come http://www.linkedin.com/ http://www.ecademy.com/ e http://www.xing.com/

4.7.07

Marketing e comunicazione low budget - Per gli spot video ora c’è il fai da te

Bando alle produzioni video fatte ad opera d’arte, alle agenzie pubblicitarie, ai media planner, ai registi, ai produttori di video, alle concessionarie di pubblicità e ai loro venditori! La diversità degli attori coinvolti nel processo tradizionale di creazione di uno spot video e di conseguenza i costi da sopportare, rendono incompatibili la microimpresa con la pubblcità televisiva. Almeno fino ad ora.Una nuova opportunità viene offerta per le microimprese e per i professionisti che desiderino realizzare un loro spot video o una presentazione multimediale delle loro attività , pur non disponendo di grandi risorse economiche.Grazie a internet è infatti diventato possibile crearsi una campagna da soli e, soprattutto, low budget. In pratica, basta collegarsi ad un sito per selezionare le scene in archivio e con pochi click realizzare il proprio spot. Si chiamano , Visible World (http://www.visibleworld.com/), Spot Runner (http://www.spotrunner.com/), Spotzer (http://www.spotzer.com/), Zimmerman Advertising (http://www.zadv.com/).Questi servizi, oltre ad essere accessibili tramite web, sono facili da utilizzare, poiché sono stati automatizzati i processi per la creazione degli spot televisivi, media planning e buying compresi”. Il costo? Si parte da 1.500 dollari.

1.7.07

Come realizzare in casa un film ispirato a Guerre Stellari, in meno di due anni, con Sergio Muniz come attore protagonista, spendendo solo 7000 euro?





“Dark Resurrection” è una produzione cinematografica indipendente italiana.
Per realizzare questo mediometraggio sono stati usati software e attrezzature video teoricamente alla portata di tutti.
In tutto questo, emerge il grande talento di Angelo Licata, dentista di professione, nel creare imprese partendo da budget zero. Fondamentale è stata la capacità di coinvolgere tutti, dagli attori alle comparse, a costo zero. In che modo? La più grande ricompensa, in casi come questi, è far parte di qualcosa di estremamente coinvolgente, appagante.
Di qui l'effetto virale che sta vivendo questo progetto.
Dark Resurrection ha visto la collaborazione di alcuni produttori italiani di effetti visivi e sonori e la partecipazione di svariati personaggi pubblici, tra cui Sergio Muniz.
Il risultato, come potete vedere dal trailer, è STRA-ORDINARIO.
Il film intero si può guardare gratuitamente in videostreaming all'indirizzo http://www.darkresurrection.com/